Summer project part two: crochet bikini top!

Pattern – day!

DSCF9206Nella prima parte del progetto avevo parlato della parte sotto del nostro bikini. Questa seconda parte invece, come si può ben capire dal titolo, riguarderà il top. Per quanto riguarda il metodo di composizione è decisamente più facile e veloce, infatti non necessita di calcoli per quanto riguarda le misure. La trama è facile da seguire e nonostante la sua semplicità fa davvero un bell’effetto una volta indossato! Beh direi che non c’è molto altro da dire, quindi vi lascio al tutorial. Happy crochet ♥

MATERIALE OCCORRENTE

  • 1 gomitolo tipo 3/light (io ho scelto il tipo acrilico, ma consiglio quella mista a cotone) – peso 50g
  • 1 uncinetto: 4mm
  • 1 segnapunti

PROCEDIMENTO: TOP

Per fare questo top faremo separatamente le due coppe per poi unirle una volta finite.

NOTA: io ho lavorato con il mezzo punto alto, perché l’ho preferito per il tipo di filato che ho usato, perché faceva risultare più fitta la trama, ma volendo si può usare il punto alto, per una trama meno fitta.

  • montate 14 catenelle + 2
  • 1° giro: fate un mezzo punto alto (MPA) nella terza catenella e continuate con i MPA fino ad arrivare all’ultima catenella di base, nella quale fate *2 MPA, una catenella, 2 MPA* (segnate la catenella tra le due coppie di MPA). e poi continuate normalmente con i MPA tutt’intorno fino all’ultima catenella di base (che in teoria è la nostra catenella iniziale).
  • 2° giro: una volta arrivati all’ultima catenella di base, montate una catenella, girate il lavoro e fate un giro completo di MPA (fatene uno anche nella catenella segnata con il segnapunti, e spostatelo sul MPA che avrete fatto). Arrivati alla fine dal giro, montate una catenella e girate il lavoro (noterete ora che si sta formando la base e la curvatura della nostra coppa).
  • 3° giro: ripetete lo stesso procedimento del 1° giro, ossia: lavorate un mezzo giro di MPA fino ad arrivare alla catenella segnata (che è la cima della nostra coppa) e li ripetete *2 MPA, una catenella, 2 MPA* (segnate la catenella tra le due coppia di MPA). Finite il giro. Montate una catenella e girate il lavoro.
  • 4° giro: ripetere il 2° giro, ossia fate un giro completo di MPA (ricordandovi di segnare il MPA fatto nella catenella semplice). Arrivati a fine giro montate una catenella e girate il lavoro.

Continuate con questo metodo fino a quando avrete raggiunto la grandezza della coppa desiderata.

NOTA: Se volete che la coppa risulti più alta e meno larga basterà semplicemente ripetere il 1° giro due volte (in modo da fare due giri di aumenti insomma) e poi fare come nel 2° giro (che risulterà quindi il 3°). – Se invece lo volete più largo e meno alto, basta fare il contrario ossia, una volta il 1° giro, due volte il 2° giro, e via dicendo 🙂

NOTA: non tagliate il filo quando finite la seconda coppa, ci servirà per continuare il lavoro.

Una volta che avete completato entrambe le coppe (facendo attenzione che siano identiche), con il filo della seconda coppa (che non avete tagliato) fate una fila di punti bassi lungo tutta la base della coppa, arrivati alla fine della coppa, montate 3/4 catenelle di base e poi unite la seconda coppa sempre con una serie di punti bassi lungo la sua base. Arrivati alla fine, montate come sempre una catenella e girate il lavoro.

Fate una fila di MPA lungo tutta la lunghezza della base del nostro top. Arrivate alla fine, montate una catenella e girate il lavoro.

NOTA: Io ho fatto così 3 giri di MPA, ma ovviamente sono facoltativi, volendo ne fate di meno o di più a vostro piacere. Provate sempre. Fatene di più, non vi piace? Smontateli. Ne avete fatto solo uno e già vi piace? Benissimo 🙂  Seguite i vostri gusti! Come anche per la decorazione sul bordo con il punto fantasia, vi potete sbizzarrire!

  • Per fare i lacci alla base delle coppe lavorate circa 10 punti bassi partendo dalla base e risalendo lungo il bordo della coppa. Fatti i 10 punti bassi, montate una catenella e girate il lavoro. Ora lavorate con i MPA, diminuendo un punto all’inizio e uno alla fine ad ogni giro, fino ad arrivare a soli 2 MPA, a quel punto continuate così fino ad ottenere la lunghezza dei lacci desiderata – stesso procedimento per il secondo laccio.
  • Per i lacci intorno al collo: fate 3 punti bassi sulla cima della coppa. Montate una catenella, girate il lavoro. Lavorate 3 MPA, montate una catenella, girate. Ripetete così fino ad ottenere la lunghezza desiderata (consiglio inoltre se volete un laccetto meno spesso di montare solo 2 punti bassi)  –  stesso procedimento per il secondo laccio.

Ecco finito il nostro top!

SUGGERIMENTI: se volete unire le due coppe senza fare la base come ho fatto io, ma volete invece tenerle separate per poterle adattare, comprate un laccetto in cotone (che potete trovare in qualunque merceria). Alla base delle coppe fate un bordo di punti alti (PA). Passate allora il laccetto in cotone tra i PA. In questo modo avrete come risultato un top completamente diverso. E anche meno lavoro da fare 😀

DSCF9213DSCF9216

Love, Dolly ♥

Annunci

Summer project part one: crochet bikini bottom!

DSCF9206Pattern – day!

Intanto che l’estate si avvicina io mi diletto con l’uncinetto, e anche se il costume da comprare quest’anno l’ho già scelto perché non passare qualche giornata a crearne uno con le mie mani..? è la prima volta che faccio un costume all’uncinetto, e devo dire che non mi dispiace quello che è venuto fuori. Premetto che indossato è molto più carino che sulla stampella! Ora bando alle ciance e vi lascio alla pattern del bikini per oggi! Happy crochet ♥

MISURE BIKINI – taglia S/M

  • giro-fianchi: 80cm
  • lunghezza parte anteriore: 22cm
  • lunghezza parte posteriore: 22cm

MATERIALE OCCORRENTE

  • 1 gomitol0 tipo 3/light (io ho scelto il tipo acrilico, ma consiglio quella mista a cotone) – peso 50g
  • 1 uncinetto: 4mm
  • metro per prendere le misure

PROCEDIMENTO: BIKINI

Io ho iniziato dalla parte anteriore perché trovo molto più facile prendere le misure così.

  • montare 72 catenelle
  • 1° giro: lavorare un PA nella terza catenella di base, lavorare un’altro PA e poi fare una diminuzione (lavorando due punti insieme) continuando a farne una ogni 5 punti alti fino alla fine del giro, facendo così dovreste chiudere il giro con 2 PA come all’inizio; montare una catenella e poi girare il lavoro;
  • 2° e 3° giro: lavorare un PA in ogni catenella del giro precedente.

Una volta finito il 3° giro di punti alti, chiudere il lavoro e tagliare il filo in eccesso. A questo punto si procede un po a occhio, quindi decidete la larghezza della parte anteriore, lasciando un tot di catenelle ad ogni estremità, come mostrato in foto, io ne ho lasciate 15 ad ogni lato.WP_20150415_001[1]

  • 4° giro: inserire il filo nel quindicesimo punto lasciato, montare due catenelle e fare un PA nella successiva catenella, fare una diminuzione, e continuare con i PA per il resto del giro fino ad arrivare alla terzultima catenella, fare un’altra diminuzione e lavorare l’ultimo PA del giro; montare una catenella e girare
  • continuare così facendo una diminuzione all’inizio e alla fine per i prossimi 8 giri, alla fine del quale dovreste avere 9 punti; montare una catenella, e girare.
  • 9° giro: lavorare 4 PA nelle 4 catenelle del giro precedente, fare una diminuzione (che risulterà centrale) e finire il giro.
  • dal 10° al 16° giro: lavorare un PA in ogni catenella del giro precedente, ottenendo così la parte sotto del costume, che collegherà la parte anteriore a quella posteriore, per una lunghezza di 9 cm. (se lo si vuole più lungo basta fare altri giri, e allo stesso modo se lo si vuole più corto se ne fanno meno)

La larghezza che ho ottenuto io, riducendo il giro a 8 punti è di 5cm, ovviamente se si desidera una larghezza più ampia ci si può fermare a 9 punti, e viceversa se la si vuole più stretta si può fare una doppia diminuzione (ad entrambe le estremità) riducendola a 7 punti.

Finito il 16° giro si inizia con gli aumenti, e quindi con la parte posteriore del costume

  • 17° giro: lavorare un PA, e fare un aumento nella seconda catenella (lavorando due PA nella stessa catenella del giro precedente), continuare con i PA per il resto del giro, facendo un aumento nella penultima catenella e chiudendo il giro con un PA; montare una catenella e girare;
  • da qui per il prossimi 20 cm ho ripetuto il giro 17°, facendo ogni 2 giri un doppio aumento, ossia lavorare il primo aumento, fare un PA normale e nella catenella successiva rifare un aumento, e così anche all’altra estremità (avendo 4 aumenti in totale). Più aumenti si fanno, più larga risulta la parte posteriore, per questo mi sento di consigliarvi di non rimanere strettamente legati alla pattern.

Arrivati alla lunghezza desiderata, per non lasciare il bordino irregolare lavorate tutt’intorno al costume un giro di punti base, dopodiché cucite le estremità della parte anteriore alla parte posteriore, ed ecco qui finito il nostro bikini!bikini

Io per una questione di gusto ho deciso di lasciare il bordo del mio bikini non decorato, semplicemente rifinito con la serie di punti base di cui parlavo sopra, però se volete decorare il bordino potete sbizzarrirvi come volete!

Grazie per aver seguito il mio “tutorial” e fatemi sapere se lo avete provato. Inviatemi le foto!!

love, dolly ♥DSCF9219

DSCF9212DSCF9209

love&crochet – Crop Top

Pattern-day!DSCF9147

Io e il mio ragazzo abbiamo prenotato solo da pochi giorni le vacanze estive e io sto già rinnovando il mio summer-wardrobe con crop-tops e magliette all’uncinetto, che quest’anno sembrano essere tornati in voga… Whoop Whoop!! Celebrities e non infatti sembrano apprezzare particolarmente il genere che negli ultimi anni era stato messo in un angolino, e a proposito di questo ecco cosa scrive Roberta Costantino nell’articolo Moda Primavera-Estate 2015: tendenze e must-have sul suo blog “Visual Fashionist”

“Se quando pensate al crochet vi vengono in mente i centrini della nonna, dimenticate questa associazione, perchè per la primavera estate 2015 diventano uno dei capi più sensuali. Julian MacDonald li ha portati in passerella in una versione decisamente sexy alle ultime sfilate, mentre altri stilisti come Cavalli e Blumarine ne hanno proposto una versione da lolita romantica”

Beh ma se lo sai creare perché comprare? La decisione di imparare a lavorare con uncinetto e ferri sta decisamente dando i suoi buoni frutti.

Essendo più appassionata ai ferri che all’uncinetto ho optato per una pattern trovata in rete, invece di crearne una mia. Ho praticamente rivoltato sotto sopra Pinterest per trovare quella che preferivo e finalmente la trovo, quando, bum bum è in spagnolo, (ed ecco che qui arrivano i rimorsi per aver scelto francese a scuola!) ma con il gentile aiuto di google translate l’ho tradotta e ve la ripropongo qui. Io personalmente ho cambiato qualcosina perchè trovo che gli schemi debbano essere usati come linee guida piuttosto che seguiti alla lettera.

MATERIALE OCCORRENTE – taglia: 38/40

  • 3 gomitoli: Composizione: 70% Acrilico, 30% Lana Vergine – Peso: 50 g (per gomitolo)
  • 1 uncinetto: 4mm
  • ago dalla punta smussata per lana

METODO DI COMPOSIZIONE

  • Parte anteriore: larghezza busto – 45cm / altezza – 24cm
  • Parte posteriore: identica alla parte anteriore
  • 2 Bretelle: 35 cm (lunghezza totale da un lato all’altro) – ovviamente la lunghezza è differente per ognuno di noi, nel mio caso andava bene questa 🙂

PROCEDIMENTO (parte anteriore e parte posteriore)Immagine

  • Catenelle di base: 80
  • 1° giro: 1PA nella 4° catenella a partire dall’uncino e a seguire 1PA in ogni punto seguente. Girare;
  • 2° giro: 3PC (contano come un punto alto) 1PA nel punto seguente, (1PC, saltare due punti, 2PA nei seguenti 2punti)* ripetere fino alla fine. Girare;
  • 3° giro: 4PC, saltare un punto, 2PA nello spazio più largo creato dai punti alti nel giro precedente, (1PC e 2PA nello spazio più largo creato dai punti alti nel giro precedente)* continuare così fino alla fine. Girare;
  • 4° – 6° – 8° – 10° – 12° – 14° – 16° – 18° – 20° giro: ripetere secondo giro
  • 5° – 7° – 9° – 11° – 13° – 15° – 17° – 19° – 21° giro: ripetere terzo giro
  • 22° giro: 4PC, saltare un punto (1PA, saltare un punto)* ripetere fino alla fine del giro
  • 23° giro: 1PC, 8PB, (2PAD, 2PAT, 2PAD)* 19PB (2PAD, 2PAT, 2PAD)* 8PB – *saranno i punti ai quali uniremo le bretelle;
  • dopo aver finito entrambe le parti (identiche) cucire i bordi con del filo dello stesso coloreImmagine2

PROCEDIMENTO 2 BRETELLE

  • 1° giro: unire 6PA sopra i 6 punti dedicati alle bretelle del giro 23°   –   (2PAD 2PAT 2PAD)
  • 2° – 3° giro: 1PC, 4PB. Girare
  • 4° giro: 1PC, 3PB. Girare – continuare il 4° giro fino al raggiungimento della lunghezza desiderata.
  • aumentare di un punto. Girare. (4 punti)
  • aumentare di un altro punto. Girare (5 punti)
  • montare 6PA e unirli ai punti dedicate alle bretelle del giro 23 della parte posteriore.Immagine3

Et voilà! Chiedo scusa in anticipo per eventuali incomprensioni, non sono molto pratica di uncinetto, e soprattutto essendo autodidatta potrei aver fatto qualche errore, in tal caso sentitevi liberi di correggermi! Comunque per chi volesse la pattern originale può cliccare qui!

DSCF9145

DSCF9145

Detto ciò, happy crochet a tutti! 

 

Un gomitolo al giorno toglie “i nervi” di torno!

In a ball of yarn is the potencial to make a dream that you have come true! – Melanie Falick

Qualche tempo fa, più o meno un anno, mi è venuta in mente la pazza idea di imparare a lavorare a maglia, così sono uscita, sono entrata nella merceria vicino casa e ho comprato due gomitoli di lana rosa e un paio di ferri n°6.. ed è iniziata la magia! All’inizio era un hobby per passare le giornate, e pensavo che come tante delle mie passioni sarebbe svanita di li a poco e invece me ne sono completamente innamorata. Ho notato inoltre che oltre ad essere un piacevole passatempo aiuta a migliorare la concentrazione, scarica lo stress e regala quel piacere unico di indossare qualcosa che si è creato con le proprie mani!

Facendo qualche ricerca online ho trovato molti articoli che trattano gli effetti benefici di far la maglia, confermati anche da molti studi scientifici, e questi sono alcuni di loro:

  • effetti terapeutici: ferri e lana sono utilizzati come attività anti-depressive motivando coloro che ne soffrono a connettersi con il mondo creandosi una comunità fatta di consigli, scambi di idee e lunghi pomeriggi di sferruzzate in compagnia! Contribuiscono inoltre all’innalzamento dell’autostima che deriva dal creare un vestito, un maglione, una sciarpa, con le proprie mani,0a170192b979a36d08e196832e193e2b
  • aiuta a rilassarsi: mentre si lavora con i ferri o con l’uncinetto si smette di pensare a tutti i problemi quotidiani concentrandosi unicamente sul contare i punti e seguire la trama. Secondo un’articolo del Psychology Today qualsiasi movimento ripetitivo favorisce il rilascio di ormoni quali la serotonina e la dopamina che ci fa sentire rilassati e tranquilli;
  • allena la concentrazione: per chi è iperattivo (come nel mio caso oserei dire) lavorare a maglia può essere molto d’aiuto. Infatti grazie all’alto livello di concentrazione che richiede favorisce a incanalare le proprie energie verso un’obiettivo finale;
  • aiuta a ridurre gli effetti della demenza senile, mantenendo in attività il cervello e tutte le funzioni collegate;
  • aiuta ad aumentare la felicità, di chi confeziona i prodotti, e sopratutto di chi li riceve!

Provare per credere!

cropped-red_ball_of_yarn_by_peterparkomg.jpg